Debito di sangue – Michael Connelly

c2o_resizedcover

Terry McCaleb, dopo il trapianto di cuore, è costretto ad un riposo forzato: per lui niente più indagini, niente più caccia a serial killer spietati.  Ma quando Graciela sale sulla sia barca, capisce che ci sono richieste alle quali non è possibile di re di no, ci sono debiti che devono essere pagati. E così ritorna in campo per risolvere un omicidio che lo porterà a scontrarsi con spettri del passato.

In questo libro c’è tutto: amore, vendetta, intrighi.. e fino alla fine il lettore è tenuto sul filo del rasoio.

Lettura di Natale assolutamente azzeccata quest’anno, non tanto per il genere del libro, il classico poliziesco, ma per il piacere e la scorrevolezza della lettura. Michael Connelly non sbaglia un colpo, è ormai fra i grandi del genere, e questo libro è quello che lo ha consacrato.

Voto 8. Consigliatissimo per gli amanti del genere!

Annunci

Beutiful you – Chuck Palahniuk

imag1019

 

Non vorrei sembrare eccessivo ma non riesco davvero a capire come si possa pubblicare un libro del genere. Ok Chuck hai scritto Fight Club e per questo te ne siamo grati, ma ora basta con gli acidi, cerca di scrivere quando sei un pò sobrio!

Il libro racconta di Penny Harrigan giovane impiegata dall’aspetto scialbo e insignificate che incontra, nell’ufficio di avvocati dove lavora, Linux Maxwell l’uomo più ricco del mondo. Linux a invita e cena e da li la vita i Penny non sarà più la stessa, poichè Linux le farà provare i più grandi piaceri del sesso. Sembra tutto fantastico quando Penny scopre di essere la cavia per i test di una nuova linea di sex toys che Linux vuole lanciare sul mercato. I prodotti Beutiful You…

Il libro non mi è per nulla piaciuto. La scrittura è scorrevole infatti l’ho letto in poco più di una settimana, ma la storia è davvero discutibile. Non per l’argomento trattato, non mi scandalizza leggere di sex toys, ma per le vicende che vengono narrate. I colpi di scena sono davvero ridicoli e ad un certo punto non mi sarei stupito se l’autore avesse introdotto l’arrivo degli alieni!

Voto 1/5: Caro Chuck mi sa che non ti leggo più!

Alla prossima!

 

Angolo della lettura da mare

Sono tornato ieri sera dal mare. Tristezza….

Quando sono al mare, sotto l’ombrellore, leggo moltissimo. Non so perchè ma la spiaggia aumenta la mia voglia di lettura. In questa settimana sono riuscito a leggere due libri ed iniziarne un terzo. I due libri che ho finito sono:

  • Armageddon rag di George RR Martin
  • Tempi glaciali di Fred Vargas.

Due thriller molto diversi fra loro, ma andiamo con ordine:

armageddon-rag-martin-gargoyle-280x397

Armageddon Rag del grande Cicciomartin, non fa parte della saga delle cronache del ghiaccio e del fuoco, o meglio conosciute ai piu come “the game of throne“, e’ un thriller ambientato nell’america dei giorni nostri, in cui uno scrittore ex giornalista si ritrova ad indagare sulla morte del produttore del più grande gruppo hard rock della storia:i Natzghul. Le indagini condurranno il nostro scrittore in un viaggio alla riscoperta degli anni 70 e della musica protagonista di quegli anni, compresi gli eccessi e le lotte portate avanti in quegli anni.

Il libro mi è piaciuto moltissimo, l’ho trovato scritto benissimo (come Ciccomartin ce ne sono pochi) molto avvincente, in alcune parti anche commuovente. L’ultima parte l’ho trovata un pò psichedelica… ammetto che alcuni passaggi non l’ho capiti a fondo. Ma in pochi giorni l’ho letto tutto.

Voto: 4 charlize 4Charlize

 

tempi-glaciali-1432310862Tempi glaciali è l’ultimo thriller di Fred Vargas, la scrittrice francese che pensavo fosse un uomo, porta il commissario Adamsberg ad indagare fra i ghiacci dell’Islanda e la rivoluzione francese alla caccia di un killer che sembra aver nascosto bene le proprie tracce.

La cara autrice francese Fred ha messo un sacco di carne al fuoco in questo libro. Per me è il primo che leggo di questa autrice. Ammetto che il suo modo di scrivere non mi piace molto, non mi piace il suo modo di ironizzare e non mi piacciono le meticolose descrizioni dei pasti del commissario e dei suoi collaboratori. Devo amettere però che il thriller è molto sagace, l’autrice è riuscita a intrecciare crimini che a prima vista sono cosi’ distanti fra loro in modo molto intelligenete e con una trama avvincente.

Voto: 2 Charlize2Charlize

John Gribbing – Galassie –

15706884

Questo libro è un pò diverso da quelli che leggo solitamente, me lo sono letto perchè alla fine, le galassie, mi hanno sempre affascinato e leggendo la sinossi mi ha molto incuriosito.

Il libro esplora, in ordine cronologico, gli studi e le teorie formulate nel campo dell’astronomia e astrofisica, dalle prime scoperte fino a arrivare ai giorni nostri. Il linguaggio della trattazione è abbastanza semplice e fluido. Non ti preoccupare, non ci sono molte formule matematiche: giusto l’indispensabile per supportare i ragionamenti. Certo è che alcuni passaggi vanno un pò digeriti e lasciati sedimentare prima di continuare la lettura.

Penso che il libro sia accessibile un pò a tutti, se vuoi leggerlo devi solo metterci un pò di buona volontà e pazienza e magari rileggerti qualche passaggio.

Un consiglio: non lasciar passare troppo tempo fra una sessione di lettura e l’altra, altrimenti rischi, come me, di dover tornare indietro un bel pezzo prima di riprendere il filo logico.

Un lettura che comunque consiglio a tutti quelli che sono appassionati di astronomia, per capire un pò meglio le scoperte e le teorie che hanno portato all’attuale modello matematico delle galassie e per capire un pò meglio cosa c’è al di fuori del nostro magnifico pianeta.

 

Dan Simmons – Song of Kali-

song-of-kali-book-cover

Mi sento molto orgoglione orgoglioso sai?!

Sono riuscito finalmente a terminare il mio primo libro in lingua inglese.

116326d1447374409-does-anyone-else-grin-like-idiot-1369677160288Si si, tutto scritto fitto fitto in inglese.

No no, non un fumetto con quattro parole in croce.

Si si, è davvero un romanzo.

Finalmente eh, perchè dopo molto tentativi, tutti abortiti chi prima chi dopo, ce l ‘ho fatta!

7u9lo8

Il libro in questione è Song of Kali, primo romanzo dello scrittore Dan Simmons, quello di Hyperion per capirci.  Il libro viene classificato fra gli horror/thriller.e chi sono io per contraddire goodreads? Quindi fidiamoci! Anche se a me non pare così horror…

Il libro però è molto bello. E’ avvincente e anche non troppo complicato da leggere!

La storia narra del poeta/scrittore americano Robert Luczack che si reca, con la moglie Amrita e la figlia Victoria, a Calcutta in India sulle tracce del poeta indiano Das che pare essere riapparso dopo che era stato dichiarato morto alcuni anni prima.

Se guardi su goodreads vedrai che ci ho messo un sacco a leggerlo, però è tutto in inglese!!!!

Don Winslow – Il potere del cane –

il-potere-del-cane

Dopo aver letto questo libro ho messo definitivamente la parola fine al mio interesse nei confronti di storie di narcotrafficanti.

Il sospetto che queste storie non mi piacessero molto l’avevo già avuto guardando la serie “Narcos” di Netflix. Pochi giorni dopo averla abbandonata, su  “La lettura” del Corriere della sera leggo una recensione su questo libro “Il potere del cane” e mi interesso alla trama. Così, in uno dei miei giri in libreria, lo trovo ad un prezzo scontato e me lo compro.

Il libro non è affatto scritto male, anzi. E’ molto scorrevole e la scrittura è coinvolgente. Apprezzo molto, e ultimamente non sembra così scontato, che il libro non sia scritto come un copione pronto per essere messo in produzione cinematografica, ma che venga scritto con un bel taglio narrativo. (nota a margine: il film tratto da questo libro è in lavorazione). Quello che proprio non riesco a farmi piacere è la storia, il contesto in cui vengono narrate le vicende: quello che ammazza questo, quell’altro che ammazza il prete, lo zio e il nonno. Donne bellissime che fanno questo, quello e quell’altro per il loro interesse… mah!

Non metto in dubbio che quel mondo sia proprio così come viene descritto ma purtroppo è un genere che proprio non mi attira e che non credo di continuare ad esplorare a meno che qualcuno non mi suggerisca il contrario consigliandomi un buon libro sui narcos!

 

 

Keigo Higashino – L’impeccabile –

414qspekrtl-_sx319_bo1204203200_
L’impeccabile –  Keigo Higashino – Giunti – 5.90 Euri

 

A detta della critica, Keigo Higashino (Osaka, 1958) è uno dei più famosi scrittori giapponesi. Purtroppo però questo libro non è all’altezza di questa fama, non per la scrittura, ma per la sua trama ed in particolare per il finale.

Ma facciamo un passo per volta.

Te lo sei letto in un mese, un tempo relativamente lungo per te, per un libro di 300 pagine, e alla fine ti ha lasciato il sopracciglio sollevato.

La trama è solida fino ad un certo punto (resto generico per non spoilerare), sembra che non ci siano indizi che permettano la risoluzione del caso, tant’è che dagli stessi personaggi viene più volte definito “Il crimine perfetto”.

Poi però, un indizio viene trovato e da qui la storia parte per la tangente, la tua volontà di sospensione dell’incredulità viene portata al limite e a volte anche oltre, fino all’epilogo, dove ti viene proposto un capitolo di spiegnone finale, che francamente poteva essere diluito durante la storia per renderla ancora più avvincente.

Ti Leggerai altri libri di Higashino? Di sicuro! La scrittura è molto fluida e si legge bene. E poi non ti va di cassare uno scrittore al primo libro che non ti ha convinto del tutto. Inoltre, la trama de “Il sospettato X” ti intriga non poco.

Lo leggerai uno a breve? Probabilmente no. Aspetterai un pò, per non avere alcun tipo di pregiudizio.

Michael Peinkofer – I maghi –

s-l225

I maghi di Michael Peinkofer è il classico libro fantasy. Ora, questa frase, non è necessariamente da leggersi con l’accezione negativa.

Come nei fantasy classici, dopo varie vicende che non sto qui a raccontarti se no ti racconterei mezzo libro, c’è un viaggio in cui i protagonisti prendono sempre più coscienza dei loro poteri magici e intanto salvano il mondo. E ci sono dei cattivi che cercano di conquistarlo. E fin qui tutto nello schema tipico di un fantasy.

Ora, come dicevo poco fa, non necessariamente è da intendere in senso negativo. Ci sono un sacco di Fantasy che si basano su un viaggio da affrontare, prendi ad esempio un fantasy non troppo famoso, tipo: il signore degli anelli. E’ tutto basato su un viaggio, ma in quale punto è noioso?

Bene, detto questo, I maghi sono un fantasy classico ma noioso. Estremamente noioso. L’evoluzione dei personaggi è abbastanza scontata. Gli allievi maghi che risultano fondamentali nella salvezza del mondo dal cattivone di turno era una previsione facile da fare già dalle prime pagine. E io non sono un genio.

Non penso proprio di leggere il seguito di questo libro. Anche se un pò sono tentato di vedere quanto possa essere noioso. Insomma, se ti vuoi leggere un buon Fantasy, non leggerti i Maghi.

Haruki Murakami -Sonno-

sonno-di-haruki-murakami

Una donna di 30 anni con un marito e un figlio, improvvisamente perde il sonno e passa le notti a leggere. Sembra che la perdita del sonno porti ad un miglioramento della sua vita, ma piano piano alcune ombre prenderanno sembianze umane… 

Questo è, in breve, il riassunto di questa fiaba (?) , racconto (?) di Murakami edito da Einaudi.

Il libro l’ho letto in pochissimo tempo, è composto da un centinaio di pagine scarse (comprese le pagine illustrare da Kat Menschik). Sempre scritto in modo impeccabile e nonostante la storia non sia un granchè mi ha tenuto incollato fino all’ultima pagina.

Si perchè la prima reazione, al termine della lettura è stata: “ma che è sta roba?” Poi ci ho pensato su, l’ho digerito un pò e ho rivalutato il mio parere sul libro. Infatti fino all’ultima pagina, e anche dopo la fine del libro, non ho capito se la protagonista fosse sveglia e non dormisse oppure se tutto il libro fosse un sogno… Questo mi ha portato alla prima reazione, ma poi mi sono chiesto se non fosse esattamente la reazione voluta dall’autore?

Sonno

Haruki Murakami

Einaudi

2014

Marcello Fois -Luce perfetta-

luc

Un libro un po’ diverso da quelli che leggo solitamente, sono stato attratto dalla copertina e da alcune frasi lette qui e la all’interno del libro.

La storia narra di un triangolo amoroso che nasce durante l’adolescenza dei protagonisti in una Nuoro nel pieno del boom dell’ediliza. La storia abbraccia un lungo arco temporale, infatti arriva fino ai giorni nostri con un finale abbastanza scontato.

Il libro, nonostante lo svolgimento abbastanza prevedibile in molti passaggi, mi è piaciuto perchè scritto molto bene. E’ molto scorrevole e con un italiano impeccabile. Quest’ultima caratteristica dovrebbe essere ovvia per un libro ma , in alcuni libri che ho letto ultimamente non è così. In alcuni passaggi è un pò lento e alcune immagini sono un pò forti ma tutto serve a raggiungere il finale che l’autore ha architettato per il lettore.

Come dicevo all’inizio del post, è un libro che non comprerei mai (infatti l’ho preso in biblioteca) ma che ho voluto comunque leggere per uscire un pò dai miei generi. L’esperimento è riuscito, il libro mi è piaciuto!